juliane-liebermann-O-RKu3Aqnsw-unsplash

Le 10 chiavi del nuovo congedo di paternità 2022

Se state per diventare padre o lo siete stati dopo il 1° gennaio 2022, allora potrete godere delle 16 settimane di paternità stabilite dal decreto legge nel 2019.
Il Ministro dei Diritti Sociali Ione Bellara ha proposto l’estensione del congedo di paternità e di maternità a 6 mesi, e nelle famiglie monoparentali a un anno, al fine di offrire una migliore conciliazione familiare. Al momento, queste modifiche sono state escluse dal bilancio 2022, quindi il congedo di paternità continua come nel 2021, in attesa di possibili modifiche.

Di seguito, analizziamo le chiavi del congedo di paternità, in modo che sappiate come e quando richiederlo e quali implicazioni avranno questi cambiamenti in ogni caso.

Da quando è possibile prendere un congedo di paternità di 16 settimane?

A partire dal 1° gennaio 2021, il congedo di paternità è stato esteso da 12 a 16 settimane. Ricordiamo che tale permesso è stato approvato a marzo 2019, ed è stato necessario attendere il 1° aprile 2019 per poter godere della tanto attesa prima estensione.

Caratteristiche del congedo di paternità
Oltre ad avere un’espansione progressiva, questo permesso consente la riscossione del 100% dei contributi.

E, anche se obbliga a consumare le prime 6 settimane subito dopo il parto e senza interruzioni. La madre biologica può anticipare questo periodo fino a 4 settimane prima della data prevista del parto.

È possibile godere delle altre 10 settimane in periodi settimanali, cumulabili o interrotti, per tutto il primo anno di vita del bambino, raggiungendo un accordo con l’azienda.

Quando richiederlo e quali sono i requisiti da rispettare?
La data di richiesta del permesso deve essere entro 15 giorni dalla nascita del bambino.

In questo nuovo decreto legge sono inclusi tutti i lavoratori, quindi potrete goderne sia che siate dipendenti, autonomi o impiegati pubblici. Avrete diritto al prolungamento del congedo anche se lavorate a tempo parziale o se avete un contratto di formazione, purché siate iscritte alla Previdenza Sociale.

L’unico requisito da soddisfare è quello di avere un’anzianità contributiva minima: 180 giorni negli ultimi sette anni o 360 giorni nell’intera vita lavorativa, prima della data di sospensione della paternità in entrambi i casi.

Importante
A volte i genitori confondono il permesso di nascita con il permesso di paternità. E non hanno nulla a che vedere! Il primo dà diritto a due giorni, o a 4 se c’è uno spostamento in un’altra sede, affinché il padre possa godersi la nascita del bambino. Mentre il congedo di paternità dà diritto a una sospensione del contratto di lavoro per la cura del bambino.
Come si procede per il congedo di paternità?
La procedura può essere effettuata di persona o online.

Se lo si fa di persona, è necessario recarsi presso l’ufficio della Sicurezza sociale più vicino e presentare la seguente documentazione:

DOCUMENTO D’IDENTITÀ
domanda cartacea
Rappresentante legale (se necessario)
Libretto di famiglia o certificato di iscrizione di vostro figlio*
Certificato dell’azienda in cui compare la data di inizio della sospensione della paternità (solo se l’azienda non l’ha inviato direttamente alla SS).
*I genitori adottivi devono portare la delibera giudiziaria o amministrativa al posto del libretto di famiglia.

Se si preferisce farlo da casa, si deve entrare nell’Ufficio Elettronico della Previdenza Sociale, nella sezione Famiglia: “Maternità e paternità”. Potete accedere da qui.

Richiesta di congedo di paternità in caso di ERTE o disoccupazione
Se vi trovate in una situazione di ERTE o di disoccupazione, dovrete preventivamente sospendere questa prestazione presso la SEPE (di persona su appuntamento o attraverso la sede elettronica della SEPE) e, successivamente, richiedere l’indennità di paternità attraverso questi canali:

In forma digitale attraverso la sede elettronica al seguente link: Nascita e assistenza all’infanzia.
Presso le sedi INSS, richiedendo un appuntamento.
Per posta: Dovete inviare la domanda compilata e firmata insieme a una copia della documentazione all’indirizzo che vi corrisponde (elenco).
Se vi trovate in una situazione di ERTE, vi consigliamo di contattare la vostra azienda affinché vi fornisca le informazioni necessarie per poter svolgere correttamente questa procedura.

In quali circostanze è possibile prolungare il congedo di paternità?

Esistono casi eccezionali in cui è possibile prolungare il congedo di paternità:

Nascita di figli disabili
Nascite multiple e affidamento del secondo figlio
Ricovero ospedaliero del bambino per più di una settimana: in questo caso, il padre può avere i giorni in cui il bambino è ricoverato, fino a un massimo di 13 settimane.
È possibile trasferire il congedo di paternità di 16 settimane?
A partire dal 2021, non è possibile effettuare alcun trasferimento, poiché entrambi i permessi sono uguali e hanno una durata complessiva di 16 settimane.

Cosa succede nel caso del padre? Le 16 settimane del padre non sono trasferibili, anche se, se lo desidera, ha la possibilità di utilizzarle o meno.

Lo scopo è quello di coinvolgere i genitori nella cura e nella crescita dei bambini, in modo da generare un legame maggiore.

Diritti di fruizione dei permessi per adozioni e affidamenti
adozione
Questa legge estende i termini non solo ai genitori per nascita naturale, ma anche a quelli per adozione e affidamento: i genitori avranno l’obbligo di godere delle prime sei settimane dopo l’adozione o l’affidamento.

Se questo è il vostro caso, entrambi avrete sedici settimane per il godimento volontario e potrete distribuirle nei dodici mesi successivi alla decisione giudiziaria.

Di queste sedici settimane, il padre o la madre possono godere individualmente di un massimo di 10 settimane, lasciando le altre sei all’altro genitore.

Tag: Nessun tag

Aggiungi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

otto − 5 =