aditya-romansa-5zp0jym2w9M-unsplash

sviluppo del neonato

Tante congratulazioni, mamma! Il tuo bambino è qui!
Tutto è così nuovo, così eccitante, così difficile e soddisfacente allo stesso tempo… Ma la verità è che la maternità è un’avventura incredibile.

Ed è piena di intensità. Ma, sebbene sia una fase bellissima, sono sicura che hai avuto anche giorni difficili.

Voglio dirvi che non siete sole. Tutte noi che siamo state madri possiamo capirti e condividere con te quei sentimenti che a volte ci sopraffanno.

Prenditi cura di te e lasciati curare, solo così potrai prenderti cura del tuo bambino e goderti questa esperienza.

Voglio dirvi una cosa molto importante: dal momento della gravidanza, il vostro corpo e la vostra mente si sono messi al lavoro per prepararvi a diventare madre. Quindi, fidatevi di voi stesse, avete aspettato questo momento per mesi.

In caso di dubbio, ricordate che la prima idea, il primo istinto, di solito è quello giusto. Se hai bisogno di cullare, culla; se hai bisogno di abbracciare, abbraccia; se pensi che abbia fame, offri…

Sicuramente, fin da prima della nascita, avrete ascoltato ogni tipo di consiglio e “legge” sull’alimentazione, il sonno, le cure e l’educazione in generale. Avrete anche letto molto al riguardo: libri, articoli, post…

postpartum

Il post-partum è una fase difficile di cui ci è stato detto poco. Inoltre, non tutte le mamme partono dalla stessa situazione:

Ci sono mamme che hanno avuto un parto facile e veloce e sono forti fin dal primo momento. Altre hanno avuto un parto cesareo per un motivo o per l’altro e possono provare più dolore e disagio. Ci sono mamme che hanno subito un’episiotomia ampia, che soffrono di stitichezza, che hanno il morale basso… Tutte le mamme allo stesso modo, ma in situazioni diverse.

Prima cosa: voi e il vostro bambino
1 MESE_ mamma e bambinoSì, questo è il primo. Quindi dimenticatevi le infinite visite “vieni a trovarci”, i pasticcini e i caffè invitanti. Quando ne hai bisogno, dì a te stessa: noi veniamo prima. Scegliete quindi come trascorrere questi primi giorni del vostro bambino.

State bene? Volete ricevere visite? Se sì, fate pure! Ma chiedete a parenti e amici un po’ di tempo e sono sicura che capiranno. Questi giorni sono unici e la vostra famiglia è questa davanti a voi. Prendetevi cura prima di tutto di voi stessi, ci sarà tempo per mostrarvi al mondo.

Come sta il vostro bambino appena nato?
Quando il vostro bambino nasce, può avere un aspetto molto diverso:

Ci sono bambini molto grandi che sembrano bambole, rosa e con le ciambelle che le nonne amano tanto.
Ce ne sono anche di magri, che pesano poco più di 2 kg, molto più piccoli, con un colore più intenso e rugosi.
Altri bambini hanno molti capelli (lanugo).
Alcuni hanno ancora gli occhi molto gonfi…
Ma sono tutti bambini sani e normali.
Peso e crescita del neonato
Se il vostro bambino è nato a termine e la sua crescita nella pancia è stata normale, il suo peso sarà di circa 3,6 kg per i maschietti e 3,3 kg per le femminucce.

Mentre le dimensioni medie saranno di 50,5 cm per i maschietti e 49,5 cm per le femminucce.

Percentili 1 MESE
Durante il primo mese di vita, il bambino perde peso nei primi 7-10 giorni. Si stima che sia fisiologico (cioè normale) perdere fino al 10% del peso alla nascita, quindi non allarmatevi se il vostro bambino pesa meno pochi giorni dopo la nascita.

Nei giorni successivi inizierà a prendere peso .

Per i pediatri, il peso a 15 giorni di vita è un punto fondamentale. Il vostro bambino dovrebbe pesare almeno come alla nascita. Se così non fosse, non preoccupatevi, il vostro pediatra saprà dirvi cosa fare per fargli riacquistare peso.

Sviluppo psicomotorio del bambino nel primo mese di vita

Vedrete che il vostro neonato farà passi da gigante in questi primi 30 giorni.

Alla nascita, sarà un bambino goffo che vivrà attaccato al vostro corpo. Tuttavia, fin dall’inizio sarete consapevoli del grande istinto del vostro bambino.

Appena nato, lo metteranno su di voi e saprà di essere al sicuro.

Già tranquillo, cercherà il vostro petto in pochi secondi. Per farlo, potrà muoversi sul vostro corpo fino a raggiungere il seno. Non trovate che il suo istinto di sopravvivenza sia miracoloso?

Visione
Sebbene all’inizio il bambino sia in grado di distinguere solo le forme vicine, a poco a poco, nel corso dei primi quattro mesi, la sua vista si affina fino a distinguere oggetti a 1,5 metri di distanza.

I neonati sono in grado di vedere meglio le forme luminose e vicine e, a un mese di vita, hanno persino un leggero inseguimento degli occhi fino alla linea mediana.

Orecchio
1 MESE_Come per l’udito, il vostro bambino fin dalla nascita ha questo senso a pieno regime. Potrete verificare che si spaventa di fronte ai rumori e che si calma con la vostra voce.

Sapere che il vostro bambino ascolta bene è una priorità. Per questo motivo, esiste un programma di screening neonatale in cui i pediatri sottopongono tutti i neonati sani a un test chiamato emissioni otoacustiche. Questo test conferma che tutto è in ordine. Viene eseguito alla nascita o entro i primi 10 giorni di vita.

sviluppo motorio
A livello motorio, è normale che il neonato mantenga una posizione semi-flessa di braccia e gambe. Inoltre, si noterà che è in grado di muovere gli arti in modo uniforme e armonioso.

Il sostegno della testa è ancora scarso. Se si tirano le sue braccine, si vedrà che, all’inizio, la testa viene lasciata indietro come una bambola di pezza. Durante questi 30 giorni il collo si rafforzerà e vedrete come, alla fine del primo mese, la testa è già in grado di accompagnare minimamente il corpo quando lo incorpora.

riflessi arcaici
Il neonato presenta i propri riflessi nervosi che chiamiamo riflessi arcaici e che sono specifici di questa fase e scompariranno con la maturazione.

Si può quindi parlare di:

riflesso di moor
riflesso tonico-clonico
riflesso di presa
riflesso di curvatura
Il pediatra esplorerà queste risposte a ogni visita e confermerà che tutto va bene.

Segnali di allarme per lo sviluppo del neonato
Dovete consultare il vostro pediatra se il vostro bambino:

Non si spaventa di fronte ai rumori.

Ha uno strabismo fisso.

Ha una postura a “libro aperto” a riposo. Cioè, braccia e gambe completamente estese. Tenete presente che la posizione normale di riposo del bambino è con gli arti in semiflessione.

Ha un occhio spento. Si nota che in uno degli occhi sembra esserci una cataratta. A volte è possibile individuarla durante lo scatto di una foto, quando si nota che il flash non riflette allo stesso modo in entrambi gli occhi.

Non muove gli arti allo stesso modo.

Presenta un pianto raro che non si calma con nulla.

Il rapporto del bambino con l’ambiente

In questo primo mese di vita, il mondo del tuo bambino sei tu. Forse un po’ il papà, ma non prendiamoci in giro, soprattutto voi:

Ti conosce e conosce la tua voce, il tuo odore, il tuo suono…
Si calma solo sentendoti vicino
Sa come cercarvi quando ha fame e si arrampica sul vostro petto
Ha imparato che il vostro corpo è il miglior rifugio per crescere…
1 MESE_mammaE tutto questo perché in questo primo mese (e anche un po’ di più), il vostro bambino è totalmente dipendente da voi e avrà bisogno che gli stiate accanto quasi sempre.

Avrete tempo per recuperare lo spazio che oggi dedicate al bambino, ma per ora vivrete per lui.

Quindi voi siete l’ambiente. E il modo migliore per prendervi cura di voi stessi è essere calmi, privilegiando un ambiente riposante e con suoni morbidi.

Tutto il mondo del vostro bambino è riassunto nel vostro corpo. Per questo motivo, può essere molto utile iniziare a portare in braccio, ottenendo una maggiore libertà di braccia e di movimento pur tenendo il bambino vicino. Anche se pensate che sia molto piccolo, se pesa più di 3 kg sarà già pronto per il trasporto. In questa fase, di solito è meglio usare la sciarpa, perché è più naturale con la sua forma e si adatta perfettamente. Ma esistono anche zaini ergonomici con riduttori per neonati, che saranno altrettanto validi per lui.

Ma è fondamentale sentirsi supportati dai propri cari. È che vi trovate in una situazione di vulnerabilità quando vi occupate di un neonato. Dovete anche prendervi cura di voi stessi.

Alimentazione del bambino
L’alimentazione del bambino fino a sei mesi, idealmente, sarà solo latte.

1 MESE_allattamento al senoSe volete allattare al seno, voglio dirvi che gli inizi saranno duri. Ed è che, nonostante abbiate frequentato corsi di preparazione al parto o vi abbiano informate, è molto probabile che nulla di ciò che vi hanno detto, assomigli lontanamente a ciò che state vivendo.

L’allattamento al seno è una corsa a distanza.

Sicuramente all’inizio avrete molti dubbi. Potete annotarli e fissare presto un appuntamento con il vostro pediatra o con una consulente per l’allattamento per poterli risolvere. Ricordate che non siete sole in questo percorso e che il sostegno di un professionista può aiutarvi molto.

Dovete sapere che il seno è a richiesta e che, nei primi 10 giorni, il bambino mangia quasi ogni ora. Quindi sì, è normale sentirsi come una “tetta con le gambe”. Ogni volta che il bambino mostra segni di fame, è necessario allattarlo.

I segni di fame precoce sono :

La testa si gira cercando il petto
Porta i pugni alla bocca.
Il pianto è già un segno tardivo di fame.

Inoltre, quando il bambino è così piccolo, è molto impaziente . Se siete in ritardo con le poppate, il bambino può piangere, agitarsi, colpire il seno, tirare il capezzolo… sarà molto irrequieto finché non si aggancia e succhia con calma.

Ci sono molte cose da dire sull’allattamento al seno, come ad esempio come allattare, le posizioni di allattamento, quante poppate offrire… Ti consiglio di ascoltare te stessa e il tuo bambino e di fidarti del tuo istinto di madre. E se qualcosa non va bene, non esitate a consultare uno specialista.

L’allattamento al seno è un esercizio di libertà e, sebbene i pediatri tendano a difendere il seno come metodo ideale di alimentazione, la cosa più importante nella genitorialità è la felicità di tutte le parti coinvolte. Pertanto, se avete scelto di allattare artificialmente, anche questa è una buona opzione se è quella che meglio si adatta a voi e al vostro bambino.

1 MESE_bottigliaL’allattamento artificiale è ugualmente a richiesta. Non lasciate che qualcuno vi dica, ad esempio, che dovete aspettare 3 ore tra una poppata e l’altra, perché non è vero.

Le quantità iniziali che il bambino ingerirà saranno molto basse, circa 20-30 cc per dose per le prime 24-48 ore, per poi aumentare a circa 60-90 cc per dose.

Deve essere chiaro che sia la frequenza delle poppate che la quantità da assumere dipendono dal bambino. Così come non possono dirvi la frequenza, non saranno in grado di dirvi nemmeno qual è la quantità “normale”.

Per quanto riguarda le formule disponibili sul mercato, le possibilità sono infinite. Se iniziate ad allattare molto presto, vi consiglio di scegliere una formula digestiva, perché faciliterà la digestione del bambino.

Voglio ricordarvi che, sia che allattiate al seno o al biberon, non dovete offrire nient’altro che latte. Né acqua, né le “tisane per neonati” che vanno tanto di moda. Solo latte. E il bambino sarà ben idratato perché sia il seno che il biberon contengono acqua.

Inoltre, quando si tratta di infusi per neonati già pronti, di solito contengono zucchero e non hanno alcun effetto riconosciuto sui disturbi digestivi o sul sonno del bambino.

il sogno del neonato

1 MESE_dormireI neonati dormono circa 18 ore e lo fanno tra una poppata e l’altra, poiché interrompono il sonno solo per mangiare.

Dimenticate quindi i ritmi notturni e diurni. Per ora, il vostro bambino allatterà ogni tanto, a qualsiasi ora. E sì, è normale che lo faccia.

Durante il sonno, il bambino si muove, muove le braccia e le gambe e scalcia. Inoltre, di solito fa molti rumori: nasali come Pepa Pig, quando inspira, come un bip, rumori di deglutizione (come se ingoiasse saliva)…

Inoltre, i bambini hanno una respirazione molto irregolare.

Si può notare che fa delle pause respiratorie in cui lo si guarda appoggiato alla mini-culla, aspettando che riprenda l’attività.
Poi, ha momenti di polipnea (respiro pesante) e sospiri.
Tutto questo è normale.

Favorisce un ambiente calmo e confortevole nel vostro luogo di riposo. Il bambino dormirà nella vostra camera da letto per almeno 6 mesi. La scelta di farlo in una mini-culla o di farlo dormire insieme sarà vostra.

Per un buon riposo sicuro, tenete presente che:

Il bambino deve dormire preferibilmente sulla schiena e mai a pancia in giù.
Nella culla non devono esserci sistemi antiribaltamento.
Né possono esserci peluche, cuscini o oggetti con i quali possa soffocare o soffocarsi.
Non deve essere eccessivamente caldo.
Stimolazione e gioco per un neonato nel primo mese di vita
Il neonato ha bisogno di stare molto vicino a voi. E questo è tutto l’incoraggiamento di cui ha bisogno.

Spesso, in consultazione, mi chiedono cosa fare con i neonati di pochi giorni per stimolarli. Ma tutto ciò di cui ha bisogno il vostro bambino è stare con voi, essere preso in braccio, cullato, accarezzato, parlargli o sussurrargli. Ricordate che, fino a poco tempo fa, era parte di voi.

Appuntamenti medici importanti per un neonato
1 MESE_visita medicaDalla nascita del vostro bambino, il vostro pediatra diventerà un compagno di viaggio.

Vi consiglio di visitarlo per la prima volta pochi giorni dopo la dimissione. In seguito, lo vedrete ogni mese durante il primo anno di vita del vostro bambino.

Prendetevi il tempo necessario per scegliere il vostro pediatra, perché si tratta di una decisione importante. Vi consiglio di cercare qualcuno che abbia idee genitoriali simili alle vostre e che, una volta incontrato, vi faccia sentire tranquille e fiduciose nella sua consulenza.

Il pediatra è fondamentale perché riuscirà a calmare le vostre paure e a risolvere i vostri dubbi, quindi è essenziale che abbiate un rapporto di fiducia.

Durante la prima visita, il pediatra vi chiederà di:

Com’è andata la gravidanza e il parto?
Qual è la storia clinica dei genitori?
Tutte le informazioni utili per la cura del vostro bambino.
Domande frequenti sui neonati
Devo fargli il bagno tutti i giorni?
1 MESE_ bagnoQuando fate il bagno al vostro neonato, probabilmente non lo fate perché è sporco. Lo farete perché è un momento di gioco e di divertimento per lui e per la famiglia. Inoltre, il bagno di solito li rilassa e così si instaura una sana routine.

Potete farlo semplicemente con acqua tiepida e non sarà necessario usare il sapone ogni giorno, poiché, come ho detto, il vostro bambino non sarà sporco.

Naturalmente, nelle prime 24 ore dopo la nascita è preferibile non fargli il bagno, in modo che possa beneficiare dello strato di grasso che lo ricopre alla nascita.

Perché è giallo?
A volte quando il neonato nasce ha una colorazione giallastra. Può essere difficile da valutare agli occhi dei genitori, ma se si osserva la sclera (la parte bianca del bulbo oculare), si noterà che invece di avere un colore bianco pulito, è più di un colore osseo. Questo indica che c’è un po’ di ittero, ovvero l’accumulo di un pigmento chiamato bilirubina.

È comune che nei neonati, per vari motivi, la bilirubina sia un po’ elevata. Pertanto, se il vostro bambino è giallo, il pediatra vi porrà diverse domande per cercare di identificarne la causa.

Se il bambino si sente bene, mangia bene, è felice e ha un buon aumento di peso, è molto probabile che vi dica semplicemente di andare a fare un controllo tra qualche settimana per vedere se il problema si è risolto.

Solo in alcuni casi, il livello di ittero è così alto da richiedere un trattamento specifico in ospedale con le cosiddette lampade per fototerapia.

C’è la convinzione che l’esposizione indiretta alla luce del sole possa ridurre l’ittero, ma non è vero. Quindi non è necessario fare i salti mortali per far passare il sole dalla finestra.

Quando posso tagliarle le unghie?
1 MESE_unghieBeh, non c’è una risposta concreta. Le taglierete quando saranno lunghe. Sempre con forbici speciali e mai dopo il bagnetto, che sono molto morbide.

Se non vi sentite sicure, è meglio aspettare. In alternativa, potete limarli con una lima per bambini.

Vi consiglio di evitare le muffole perché se coprite le sue manine, lo priverete di uno dei suoi sensi.

Perché ha le mani e i piedi viola?
I neonati regolano male la temperatura nelle zone distali ed è normale che, nei primi giorni, mani e piedi abbiano una colorazione violacea e una temperatura bassa.

Non copriteli se fa caldo, perché non è necessario. E non usate mai le mani o i piedi come

conclusioni

Congratulazioni per aver messo al mondo un bambino così meraviglioso!

Avete con voi un neonato di cui sapete poco ma non preoccupatevi, l’istinto vi guiderà e farete quasi tutto voi. Per il resto, sapete già che avete il vostro pediatra.

1 MESE_conclusioniLa cosa normale è avere mille dubbi, quindi non dimenticate di annotarli tutti e di non lasciare il consulto con nessuno irrisolto.

Il primo mese è difficile perché tutto è nuovo e può essere opprimente. Inoltre, e questo va ricordato, è molto probabile che non siate nel vostro momento migliore, che siate molto stanchi, doloranti, a volte tristi… Ma ricordate questo: state facendo bene. Tutto migliorerà e molto rapidamente, vedrete.

Non dimenticate di divertirvi e di prendervi cura di voi. Perché vivrai momenti così incredibili che vorrai conservarli tutti per ricordarli sempre.

Ti aspetto il prossimo mese per spiegarti come sta crescendo il tuo piccolo e vedrai quanta strada avete fatto insieme.

!! Congratulazioni! Il viaggio più bello della vostra vita è appena iniziato.

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

twenty − five =