wes-hicks-Xg_LGdZVPe0-unsplash

Come prevenire e curare le screpolature dei capezzoli

Se avete deciso di nutrire il vostro bambino con il latte materno, gli offrirete uno dei nutrienti più completi che possa ricevere.
Sebbene questo sia meraviglioso per il bambino, comporta anche una serie di disagi per le mamme, come il dolore durante l’allattamento. Questo può verificarsi per molte ragioni, ma una delle più comuni è la screpolatura del capezzolo.

La buona notizia è che si possono prevenire e curare e che possono portare a un allattamento di successo.

È normale che l’allattamento faccia male?

Mese 4 allattamentoQuante volte diciamo o sentiamo dire la frase: “non è normale che l’allattamento faccia male”? Ma in realtà, che cos’è normale?

Se considerate normale qualcosa di fisiologico o naturale, dovete sapere che gli ormoni possono rendere il capezzolo più sensibile agli stimoli. Le fibre muscolari del capezzolo e dell’areola sono stirate durante l’allattamento e possono dare fastidio. Tuttavia, non si tratta di un dolore vero e proprio, ma di un fastidio limitato ai primi giorni.

È quindi logico pensare che tutte le donne che allattano provino un certo grado di disagio, almeno nei primi giorni, finché il seno non si adatta alla nuova situazione. In effetti, fino al 90% delle donne riferisce un qualche tipo di dolore durante l’allattamento. Quindi sì, possiamo dire che questo tipo di dolore è comune.

Le cause del dolore sono molteplici, ma in questo articolo ci concentreremo su una delle più comuni: le screpolature del capezzolo.

Cosa sono le screpolature del capezzolo e quali sono le cause?
Le screpolature sono ferite sotto forma di erosioni della pelle del capezzolo, che possono essere molto dolorose.

Anche se sono minuscole, il capezzolo è molto sensibile e il dolore può iniziare anche prima che la ferita sia visibile, essendo semplicemente più rossa del solito.

Se i capezzoli fanno male durante l’allattamento, è la prima cosa da sospettare. Il picco di incidenza si ha il quinto giorno dopo il parto, anche se possono comparire fin dal primo giorno e in qualsiasi momento dell’allattamento. A me, per esempio, sono comparse il giorno dopo il parto.

Ma hanno una soluzione e la loro guarigione totale dipenderà da una buona individuazione e gestione.

Come curare le screpolature dei capezzoli

Le screpolature guariscono con successo, ma è facile scoraggiarsi quando compaiono. Ed è che, per di più, lo fanno in coincidenza con quei primi giorni, in cui sentite che l’immensa responsabilità di prendervi cura del vostro neonato vi opprime. Ma non preoccupatevi, perché vi dirò cosa potete fare per curarli ed evitare che si ripresentino.

Mese 5 allattamento Ci sono due aspetti principali da affrontare: curare le lesioni e correggere la causa.

Una lesione che rimane umida per gran parte del tempo impiegherà più tempo a guarire, quindi sarà utile che il torace interessato sia esposto all’aria il più possibile. È possibile utilizzare le conchiglie per l’allattamento che, oltre a mantenere il capezzolo asciutto, impediscono lo sfregamento degli indumenti. Se si utilizzano le conchiglie per l’allattamento, cambiarle molto frequentemente.

L’utilità di applicare qualche sostanza sul capezzolo è controversa. Le prove scientifiche non indicano che nessuna opzione sia miracolosa, anche se l’olio d’oliva vergine è preferito come sostanza da applicare sulla fessura.

Quali sono i rimedi più comuni da applicare sul capezzolo?
Olio di oliva vergine: ha proprietà emollienti, antibatteriche (grazie al suo contenuto di flavonoidi e antiossidanti) e antimicotiche (grazie al suo contenuto di acido linoleico). Non è necessario lavare il capezzolo prima della poppata. È persino efficace per prevenire il mal di capezzoli.
Lanolina: sostanza grassa ottenuta dalla lana di pecora. La loro prova non è molto chiara, c’è poca o nessuna differenza tra applicarla o non applicarla. Non è necessario lavare il capezzolo prima della poppata, ma non previene il dolore e può favorire un ambiente umido in corrispondenza della lesione, ritardandone la guarigione.
Latte materno: un po’ del proprio latte viene applicato sul capezzolo e lasciato asciugare. La sua efficacia non è sufficientemente dimostrata. Può verificarsi un’infezione sulla ferita; il latte contiene molti batteri benefici per l’apparato digerente del bambino, ma non altrettanto per un capezzolo dolorante.
Aloe vera: la sua efficacia non è stata dimostrata. Può causare il rifiuto del seno a causa del sapore e la diarrea nel bambino, per cui è necessario lavare bene il capezzolo prima della poppata, che può essere dolorosa.
Unguenti con vitamina E e/o provitamina B5: non hanno sufficienti prove a sostegno. È necessario lavare bene il capezzolo prima della poppata e questo può essere doloroso.
Altri aiuti:

Impacchi caldi: a prescindere dal fatto che possano essere più o meno confortevoli, non è stato dimostrato che facilitino la guarigione delle screpolature.
Paracapezzoli: quelli attuali sono così sottili che non interferiscono con l’allattamento. È essenziale scegliere la misura giusta e posizionarli bene. Si possono indossare fino alla guarigione della fessura, per ridurre al minimo lo sfregamento e il dolore.
Ricordate che in qualsiasi momento potete consultare la vostra ostetrica, in modo che possa personalizzare la vostra cura.

Consigli per evitare le screpolature dei capezzoli

Oltre a curare bene le ferite, è importante correggere la causa che le provoca. Infatti, anche se guariamo alcune screpolature, se ciò che le ha causate è ancora presente, appariranno nuove lesioni.

La causa principale è uno scarso attaccamento del bambino al seno. Di seguito vi spiego come si dovrebbe fare una buona presa:

Posizionarsi in modo rilassato e comodo.
Il corpo del bambino deve essere molto vicino al vostro e completamente di fronte a voi, evitando che debba girare il collo per attaccarsi al seno.
Tenetelo bene da dietro per mantenere questa posizione, ma senza stringere, permettendogli di gettare la testa all’indietro se lo desidera.
Il bambino deve prendere il seno con la bocca ben aperta. Per ottenere questo risultato, posizionate il suo naso all’altezza del capezzolo e strofinatelo con esso. Se si aggancia solo al capezzolo, gli farà male e appariranno delle fessure. Farlo agganciare come se stesse mordendo un grosso hamburger, non come se stesse trangugiando spaghetti o bevendo con la cannuccia.
La presa deve essere asimmetrica, coprendo più l’areola con il labbro inferiore che con quello superiore. Vedrete le labbra estroflesse verso l’esterno.
Quando allattate, osservate il vostro bambino. Se è così, significa che ha una presa corretta: le sue guance sono arrotondate, non infossate, all’inizio fa dei colpi più veloci e corti, ma dopo qualche minuto diventano lenti e lunghi. Lo si sente deglutire, ma non fa clic con la bocca. Il mento del bambino tocca sempre il vostro petto.
Tutto questo si avvera e continua ad avere dolore o a fare scatti in continuazione? È quindi necessario che un professionista valuti voi e il vostro bambino. Perché anche se l’aderenza è la causa principale delle fessure, ce ne sono di possibili:

Insufficiente produzione di latte, che causa una suzione più intensa.
Confusione capezzolo-tettarella: il bambino muove la lingua come se esprimesse il latte da un biberon, sfiorando troppo il capezzolo.
Alterazioni sensoriali o anatomiche del bambino: in particolare l’anchiloglossia, che può causare in futuro problemi di deglutizione, pronuncia, posizionamento dei denti, apnea notturna, scoliosi, reflusso…

conclusione

1 MESE_mammaSì, l’allattamento al seno può far male, anzi è la norma! Saperlo e avere la certezza che queste situazioni, fortunatamente, possono essere risolte, può essere la chiave del successo del vostro allattamento.
Questi comuni disagi possono essere prevenuti, ma se sono già comparsi, una gestione precoce con un bravo professionista farà sì che in pochi giorni possiate tornare a godervi il vostro allattamento. Se vi scoraggiano, tenete presente che saranno solo una difficoltà temporanea.
Voi siete tutto ciò di cui il vostro bambino ha bisogno!

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

thirteen + 9 =